Turris vs Cavese – Sfida numero 28 in casa dei corallini

Sarà il confronto numero cinquantasei, quello che si giocherà mercoledì al ‘Liguori’ di Torre del Greco, fra la Turris e la Cavese, il ventottesimo in casa dei corallini.

La prima partita ufficiale giocata a Torre del Greco risale al 27 maggio 1951: i padroni di casa si imposero 3-1, ribaltando l’iniziale vantaggio metelliano.

Poche gioie per i nostri colori nei confronti giocati negli anni Cinquanta, appena un pareggio (1-1) nel torneo di IV Serie del 1953-54, con gol bleufoncé realizzato dall’interno palermitano Natale Casisa.

Ancora sconfitte nei tornei di Serie D 1969/70 e 1970/71, sempre con risultato all’inglese (2-0). Nel 1977 i corallini si imposero sia in campionato sia nella Coppa Italia Semiprofessionisti.

Andò appena meglio un anno più tardi: sconfitta in Coppa sul neutro di Castellammare di Stabia e pareggio 1-1 in campionato allo stadio ‘Amerigo Liguori’: l’iniziale vantaggio cavese di Chirco venne vanificato da un gol di Barone al 74′.

Dopo il pareggio a reti bianche del 1979/1980, il 16 novembre 1980 si concretizzò la prima vittoria aquilotta, ottenuta con un gol di Canzanese a un quarto d’ora dal fischio finale.

Nel 1986/87 in Serie C2 gli Aquilotti si imposero ancora: 3-1 con reti di Carnevale, Pecchi e Gaeta.

La vittoria al ‘Liguori’ arrivò anche nella stagione successiva in Coppa Italia (0-1), mentre in campionato furono i torresi ad imporsi di misura.

Dopo due pareggi consecutivi, nel 1990/91 fu ancora la Cavese a sorridere, imponendosi 2-1 sul neutro di Portici con una doppietta di Davide Ricci, che in sette minuti (fra il 72’ e il ‘79), ribaltò il vantaggio dei locali di Fida (su rigore).

Dopo il pareggio (2-2) nel confronto di Coppa Italia nel 1997/1998, arrivarono tre sconfitte tra il 1998 e il 2001, intervallate da un successo metelliano nella gara di Coppa giocata a fine agosto del 1999 (0-2).

Dopo oltre quindici anni di assenza la Cavese ritornò a giocare a Torre del Greco il 5 febbraio 2017, ottenendo un nuovo successo (1-2) firmato dai sigilli di Ciarcià e Gabrielloni.

La stagione successiva, invece, la contesa si concluse in parità (0-0).

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp