Precisazioni in merito alle dichiarazioni del sindaco Servalli

La Cavese 1919 apprende dagli organi di stampa di dichiarazioni del Primo Cittadino, Dott. Vincenzo Servalli, prospettanti presunte esposizioni debitorie della Cavese 1919 ssd a rl; dichiarazioni, ingiustamente lesive del buon nome della società, frutto di inesatta interpretazione di dati numerici e, probabilmente, di incerta ricostruzione dei rapporti di dare-avere tra l’ente e la società.
Non dovrebbe sfuggire al Primo cittadino che, a seguito della sentenza TAR Campania Salerno n. 1093/22, la Cavese 1919 ssd a r.l. ha accumulato, solo con riferimento al periodo settembre 2021 – maggio 2022, un credito residuo al 31 maggio 22 di euro 28.000,00.
Non dovrebbe parimenti sfuggire al Primo Cittadino che, all’attualità, la Cavese vanta ulteriori crediti per manutenzione manto erboso non ancora rimborsati (cfr delibere giuntali n. 162/20 e n. 110/21), pari ad ulteriori euro 35.500,00.
In tal contesto, momentaneamente tralasciandosi gli ulteriori (non meno importanti) crediti da remunerazione delle manutenzioni dell’impianto sportivo maturati dall’anno 2018 (oggetto di contenzioso innanzi al Tribunale di Nocera Inferiore – proc. civile n. 5413/19 R.G.), traspare evidente l’infondatezza delle recenti dichiarazioni.
Quanto all’aumento tariffario, giova precisare che, alla luce delle deliberate tariffe, la disputa del campionato allo stadio Lamberti costerebbe, tra partite diurne e notturne, circa 120.000,00 euro. Somma già di per sé onerosa, a cui andrebbero aggiunti 135.000,00 euro per gli allenamenti e 50.000,00 euro circa per la manutenzione del manto erboso.
In pratica alla prima squadra cittadina, impegnata in un campionato dilettantistico, l’utilizzo del campo sportivo, senza considerare le attività del settore giovanile, costerebbe circa 300.000,00!
Oneri del tutto sproporzionati, anche alla luce della limitata capienza dello stadio ‘Simonetta Lamberti’ (3500 posti), derivante dallo stato di degrado e di cattiva conservazione della struttura.
Vi è però di più. Alla luce degli sproporzionati aumenti, il mantenimento del settore giovanile comporterebbe costi, per soli allenamenti all’impianto di Pregiato (anch’esso in pessimo stato manutentivo) di circa 300.000,00 euro!
Spese abnormi provocate dallo sconsiderato e caotico aumento delle tariffe contenuto nella delibera 31 maggio 2022, arrivata all’indomani della richiesta di affidamento in concessione dello stadio della Cavese 1919 e immediatamente esecutiva, per il cui annullamento sarà presentato un ulteriore ricorso innanzi al TAR Campania Salerno (il terzo in meno di un anno), a tutela dei propri interessi e di quelli di tutte le associazioni sportive cittadine, valutando nel contempo, come già preannunciato, l’opportunità di trasferire tutte le attività al di fuori della città di Cava de’ Tirreni.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp